Home » Spagnolo in Spagna » Corsi di Spagnolo a Salamanca » La Città

La città di Salamanca

Corsi di Spagnolo a Salamanca Foto e video Listino Prezzi

Lo Spagnolo a Salamanca

Perchè Studiare lo Spagnolo a Salamanca

LA CITTÁ

Maggiori informazioni su Salamanca

Salamanca si trova nella regione di León y Castilla, vicino al fiume Tormés. Ubicata a sole 2 ore dalla capitale Madrid e ad una dal Portogallo. Oggi meta universitaria conosciuta il tutto il mondo, conosce un’ intensa vita notturna e del divertimento, ospita infatti piú di 5000 studenti Erasmus all’anno. Salamanca è una cittá interessante e ricca storicamente oltre che culturalmente; puó infatti essere definita come uno tra gli esempi piú significativi del barocco. Le principali festivitá di Salamanca sono legate alla sfera religiosa, tra cui “El lunes de Aguas” y “La feria de San Mateo”.

I primi segni di Salamanca risalgono al IV secolo a.C., con le popolazioni celtiche. Nel 220 a.C. Salamanca subisce l’attacco condotto dal generale cartaginese Aníbal Barca. A partire dalla metá del primo secolo a.C., i romani trasformano la cittá in un punto strategico sulla via dell’argento. Proprio grazie ai romani viene costruito il lungo ponte oggi denominato “Ponte Romano”. Dal V secolo peró, inizia il periodo buio, la crisi di Roma e le successive invasioni barbariche si ripercuotono anche su Salamanca, che conosce un periodo di decadenza, che durerá ben 700 anni. Bisognerá infatti aspettare il XVI secolo per la completa rinascita della cittá, che che diventerá il centro cittadino rinascimentale piú importante di tutta la penisola iberica. La prosperitá sociale ed economica, portata dagli scambi commerciali fará salire la popolazione a ben 25 mila abitanti. Giá nel 1218 il re Alfonso IX di Leone aveva provveduto alla fondazione degli “Studi Generali”, primo nucleo della futura Universitá, ma bisognerá aspettare proprio il XIV per conoscere l’ esponenziale crescita d’importanza dell’Universitá, diventata oggi un centro culturale che attrae ogni anno milioni di studenti. Insieme alla costituzione dell’Universitá, la cittá cambia completamente la fisionomia urbana: viene costruita la Cattedrale nuova insieme alla “Plaza Mayor”. La Guerra di Indipendenza coincide con un periodo buio, in quanto i salamantini subiscono l’occupazione francese; la cittá riuscirá a risollevarsi solo con l’arrivo della ferrovia e l’inizio e nuovi progetti urbanistici. Nel 1988 è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanitá dall’Unesco, mentre nel 1998, è stata disegnata, insieme a Brujas, “Capitale Europea della Cultura” per l’anno 2002.

Le principali attivitá economiche della cittá sono il turismo e l'università. Salamcanca è infatti destino di milioni di persone che vogliono imparare lo spagnolo, che nella regione di Castilla y León rappresenta il castellano piú autentico e puro.

Salamanca è peró una cittá che celebra anche molte festivitá, tra cui le piú importanti sono: “El lunes de las aguas”, lunedí successivo al giorno di pasqua, che celebra appunto la fine della Settimana Santa. Durante questo giono i Salamantini si travestono e si mettono in cammino verso il fiume Tormes. Altra festivitá importante é invece “La fiesta de San Mateo” che deve la sua origine alla conquista del re Alfonso VIII nel 1177. Oggi si ricorda tale evento storico con concerti, concorsi, fuochi artificiali e attivitá culturali.

Feste e Celebrazioni

Quasi tutte le feste che si celebrano a Salamanca, come in tutta la Spagna, sono a sfondo religioso.
Una delle celebrazioni più note di Salamanca è "el Lunes de Aguas". In questo giorno, sempre il lunedì successivo a quello della Resurrezione e dunque dopo Pasqua, gli abitanti di Salamanca si travestono e si dirigono verso il fiume Tormes. Questa tradizione risale al 1570 durante il regno di Felipe II ed è viva ancora oggi.

Per tutto l'anno sono numerosi i festival e le celebrazioni che si svolgono a Salamanca. Tra queste ricordiamo la Feria de San Mateo che si svolge durante il mese di settembre. Per due settimane consecutive si organizzano sfilate, concerti, spettacoli e mercatini.

È una festa che non si può assolutamente perdere!