Home » Blog » Torrone Spagnolo

Torrone Spagnolo

Torrone Spagnolo

Antonino Arcudi

Il Natale in Spagna, senza turrón, non sarebbe lo stesso. Il torrone è uno dei dolci spagnoli più caratteristici del periodo natalizio.
Questo dolce a base di frutta secca e miele si è diffuso nel mediterraneo durante il periodo dell'invasione araba. In Spagna e in Italia ha riscosso tanto successo al punto che, al termine della colonizzazione araba in entrambi i paesi è iniziata una produzione locale.

Il torrone spagnolo, come il suo corrispettivo italiano, ha raggiunto un alto livello di qualità senza per questo diventare un prodotto di nicchia o estremamente costoso.

Nella penisola ibera sono due le ricette che con il tempo si sono imposte su tutte le altre e che adesso costituiscono le due varietà principali del torrone spagnolo: Il torrone di Alicante e il torrone di Jijona. Il torrone di Alicante è caratterizzato da un impasto a base di miele, albume, zucchero e mandorle intere. Ha una pasta dura, croccante e a volte può essere rivestito da un'ostia. Il torrone di Jijona è una varietà più morbida, realizzato con mandorle tostate e triturate, albume e miele.

È solamente questione di gusti: si tratta di due prodotti di altissima qualità e, a entrambi, è stato assegnato il marchio IGP (Identificazione Geografica Protetta). Un Consorzio verifica e certifica la qualità di questi torroni che, oltre al vincolo geografico, devono rispondere a delle caratteristiche ben precise. Ad esempio, per il torrone di Alicante le mandorle devono costituire almeno il 46% del peso totale.

Ma qual è la vera origine del torrone spagnolo?

L'origine del torrone, inteso come dolce di miele e frutta secca è impossibile da stabilire con certezza. Ai tempi dell'antica Grecia gli atleti delle Olimpiadi per recuperare le energie consumavano un composto a base di miele e frutta secca. Da alcune attestazioni storiche risalenti al periodo romano si sa che la popolazione dei Sanniti, preparava un “antenato” del torrone, molto popolare e dalle grandi proprietà nutritive.

Il torrone, così come lo conosciamo nella sua ricetta moderna, viene menzionato per la prima volta nella penisola araba in un trattato di un medico risalente all'XI secolo. E furono proprio gli Arabi che durante il loro periodo di espansione in Europa diffusero la tradizione del torrone in tutta la zona del bacino mediterraneo, dal Nordafrica fino alla Spagna e l'Italia.

Il drammaturgo Lope de Rueda in un opera del 1570 (La generosa paliza) descrive la scena di un tutore che riprende i suoi ragazzi perché colpevoli di aver rubato (e mangiato!) del torrone di Alicante. 

Con il tempo la ricetta è stata perfezionata, ma gli ingredienti di base e la procedura sono rimasti invariati per secoli. Il successo di questo dolce è dovuto alla semplicità dei suoi ingredienti, facili da reperire, e al grande potere nutriente.

La Spagna è, inoltre, il primo produttore al mondo di torrone: oltre a essere consumato nelle famiglie spagnole, viene esportato anche in Inghilterra Germania e America del sud. Se passi da Alicante per studiare spagnolo o anche solo per una vacanza, fermati a visitare il Museo e concederti un assaggio, anche se non è Natale!

Ultimi racconti di Viaggio