Home » Blog » La Tequila Messicana

La Tequila Messicana

Tequila

Serena

La Tequila è una bevanda alcolica prodotta in una piccola regione occidentale del Messico che viene elaborata a partire dalla distillazione dell’Agave blu, una pianta di color azzurro simile al cactus.

Il nome della Tequila, il famoso distillato messicano consumato oggi in tutto il mondo, è legato ad un’antica leggenda azteca. Si racconta infatti che gli indigeni della zona del Jalisco, sorpresi da una tempesta che colpì una piantagione di Agave, dovettero rifugiarsi in una grotta. Un fulmine colpì una delle piante, spaccandola in due; il suo succo, a contatto con il fuoco e con il vapore prodotto dalla pioggia, incominciò a fermentare e si trasformò in una specie di miele, il Pulque. Il suo profumo si diffuse nell’aria ed arrivò al naso degli indigeni che lo assaggiarono e ne apprezzarono molto il sapore. Convinti che fosse un dono del Dio della fertilità Mayáhuel, la casta sacerdotale ed i nobili iniziarono a consumare la bevanda nelle occasioni religiose e durante le festività.

In realtà la Tequila così come la conosciamo oggi, si deve al processo di distillazione introdotto dai Conquistadores nell’anno 1521. Gli spagnoli, abituati ai gusti più forti dei vini Ribeira del Duero e Rioja, si ingegnarono per creare una bevanda che maggiormente rispondesse ai loro gusti. Introdussero quindi le prime tecniche di distillazione che gli permisero di purificare il Pulque indigeno ed ottenere un prodotto dal sapore più deciso, aprendo le strade a quello che conosciamo come vino di Mezcal o acquavite. Furono quindi gli spagnoli che promossero la coltivazione dell’Agave e che gettarono le basi per l’elaborazione di questo prodotto tipico messicano. Nel 1758 il Re di Spagna autorizzò la coltivazione dell’Agave nelle terre di Antonio de Cuervo; nasceva così la prima distilleria ufficialmente riconosciuta di tutto il Messico.

Da allora l’industria della Tequila ha conosciuto una grande espansione. Nel XX secolo sono state migliorate le tecniche di produzione, sono aumentate le piantagioni dell’Agave blu e sono stati prodotti tipi di Tequila per tutti i palati, rendendo questo distillato molto popolare a livello nazionale ed internazionale. È stata permessa la produzione anche al di fuori dello stato del Jalisco e la denominazione di origine controllata è stata estesa anche agli stati di Nayarit, Tamaulipas, Michoacán e Guanajuato. Per essere chiamata Tequila, la bevanda deve essere prodotta in una di queste regioni e deve contenere almeno un 51% di Agave. Oggi la Tequila è uno dei liquori messicani più conosciuto e rappresentativo del Messico nel mondo e la sua storia può essere conosciuta attraverso la famosa Ruta del Tequila, un percorso turistico suggestivo ed affascinante fra le piantagioni di Agave e le distillerie antiche e moderne, alla scoperta della tradizione e della cultura messicana.

Ultimi racconti di Viaggio