Home » Blog » L’accento spagnolo

L’accento spagnolo

accento spagnolo

Sharon Giacalone

L'accento spagnolo (chiamato tilde) ha delle caratteristiche peculiari che lo differenziano per molti aspetti dall'italiano ed è di fondamentale importanza nella lingua scritta.

L'accentazione è necessaria per avere la certezza assoluta di come pronunciare ogni singola parola dello spagnolo. Tale certezza non esiste nell'italiano dove gli accenti sono usati solo in casi particolari, infatti esistono diverse parole in italiano in cui spesso sorgono dubbi di pronuncia. In questi casi o si sa come leggerle o si cerca sul dizionario. Esistono però casi più complicati, come può essere il caso dei cognomi, in cui l'unico modo per avere la certezza riguardo la loro pronuncia è chiedere al diretto interessato. In spagnolo ciò non accade, in quanto la regola degli accenti permette di sapere con certezza come leggere qualsiasi parola, compresi i nomi propri.

Tipi di accento in spagnolo

Gli accenti spagnoli sono di tre tipi: l'accento tonico (detto anche prosódico) che determina l'intonazione o la pronuncia di una parola che non viene accentata graficamente e, quindi, riguarda esclusivamente il suono; l'accento grafico di cui esiste un solo tipo, ovvero l'accento acuto (´); e l'accento diacritico, che si pone su parole che hanno un loro anologo ma con diversa funzione grammaticale per differenziarle.

Bisogna, inoltre, distinguere 3 diverse categorie di parole, sulle quali, a seconda dei casi, viene posto l'accento. Queste son le parole tronche (le cosiddette palabras agudas), quando l'accento cade sull'ultima sillaba; le parole piane (palabras llanas), quando cade sulla penultima; e le parole sdrucciole (esdrújulas), che possono essere bisdrucciole e trisdrucciole (sobresdrújulas), che prendono l'accento quando l'intonazione cade, rispettivamente, sulla terzultima, quartultima e quintultima sillaba.

Regole di accentazione

Ci sono alcune regole da seguire molto semplici per l'accentazione delle parole in spagnolo.

Le parole tronche vanno accentate graficamente solo se finiscono in vocale, "n" o "s",

ad esempi

  • corazón (cuore)
  • también (anche)
  • jamás (mai)
  • lección (lezione)
  • según (secondo)
  • además (inoltre)
  • balcón (balcone)
  • come(mangerò)

Quelle piane, invece, al contrario, mostrano sempre l'accento, tranne quando le parole terminano con "n" o "s" o per vocale, ad es:

  • difícil (difficile)
  • cárcel (carcere)
  • automóvil(automobile)
  • González
  • inútil (inutile)
  • árbol (albero)
  • cámper (camper)
  • carácter (carattere)

Le sdrucciole, le bisdrucciole e le trisdrucciole lo mostrano sempre, quindi si accentano in qualsiasi cas

  • áspero (aspro)
  • esdrújula (sdrucciola)
  • índice (indice)
  • sinimo (sinonimo)
  • bografo (penna)
  • ctima (vittima)
  • déjamelo (lasciamelo)
  • trágicamente (tragicamente)

I monosillabi (come mar, sol, mes, ecc.) non rispondono a questa classificazione ma costituiscono una categoria a sè.

Per quanto riguarda l'accento diacritico, che si pone su una parola per distinguerla da un'altra con diversa funzione grammaticale, gli esempi principali son

el (il) (articolo)

él (egli, lui) (pronome personale)

tu (tuo) (aggettivo possessivo)

(tu) (pronome personale)

mi (mio) (aggettivo possessivo)

(me) (pronome personale)

si (se) (congiunzione/nota musicale)

(/si) (pronome personale/affermazione)

mas (ma) (congiunzione)

más (più) (avverbio)

de (di / da / in / per) (preposizione semplice)

(da) (verbo imperfetto di dar)

se (si / gli) (pronome riflessivo)

(sii / so) (verbo imperfetto di ser / presente di saber)

solo (solo) (aggettivo)

sólo (soltanto) (avverbio)

te (ti / te) (pronome)

() (sostantivo)

aun (anche) (congiunzione / avverbio)

aún (ancora) (avverbio)

La tastiera spagnola

Ci sono delle differenze tra la tastiera spagnola e quella italiana. Sulla tastiera italiana si possono trovare le vocali "a", "e", "i", "u", "o" già accentate, cosa che non succede per la tastiera spagnola. L'accento in spagnolo é sempre acuto, ma la tastiera italiana non lo porta per tutte le lettere. Inoltre, diversamente da quella italiana, la tastiera spagnola è in grado di porre l'accento anche sulle lettere maiuscole. Omettere l'accento su una lettera maiuscola in italiano, come in spagnolo, è considerato errore. Altra differenza importante sono i simboli che troviamo sulla tastiera spagnola, assenti in quella italiana perchè caratteristiche della grammatica spagnola, come il punto esclamativo (¡) e il punto interrogativo (¿) capovolto, e la lettera "ñ". Inoltre, è diversa anche la posizione di alcuni simboli, come la chiocciola per gli indirizzi di posta elettronica (@) che sulla tastiera spagnola si trova sul tasto del numero "2", mentre in quella italiana sul tasto della "o" accentata, affianco alla lettera "L"; oppure il cancelletto (#), che sulla tastiera spagnola si trova sul tasto del numero "3" e in quella italiana sul tasto della "a" accentata. Infine, sulla tastiera italiana, oltre al simbolo dell'euro (€), presente in entrambe le tastiere sul tasto della lettera "E" (in basso a destra), è possibile trovare anche quello della lira (£), a differenza della peseta (Pts) sulla tastiera spagnola.

Ultimi racconti di Viaggio